Casa di Galileo

Presso l'attuale n° 17 dell'omonima via, si trova la casa dove abitò dal 1592 al 1610 Galileo Galilei (1564-1642), oggi ricordato con una lapide commemorativa.  Importante fu il suo contributo alla medicina quantitativa e l’introduzione del metodo scientifico. 
Dal giardino di questa casa Galileo si dedicava alle osservazioni astrali con il telescopio e fu proprio qui che scoprì i quattro "pianeti medicei" (dedicati a Cosimo II de' Medici, Granduca di Toscana) di Giove. Nel giardino era inoltre presente una porta (ora murata) che conduceva all’Odeo Cornaro, complesso per le rappresentazioni teatrali edificato da Alvise Cornaro nella prima metà del XVI secolo, in cui si esibiva anche il famoso drammaturgo Ruzante, noto per la sua amicizia con Galileo.