Pendolo con meccanismo di scappamento ad ancora

Datazione: ultimo quarto sec. XIX

Descrizione

Lo strumento consiste in un orologio a pendolo, il cui sistema di ingranaggi era messo in movimento da un peso (ora mancante) che si srotolava da un cilindro di legno. L’orologio è provvisto, alla sommità degli ingranaggi, di un meccanismo di scappamento ad ancora, collegato al pendolo e le cui due palette si inseriscono alternativamente fra i denti di una delle ruote dell’orologio. Senza lo scappamento, gli ingranaggi ruoterebbero fino alla caduta del peso che tenderebbe a srotolarsi dal cilindro. Lo scappamento provoca invece un avanzamento passo a passo, liberando i denti della ruota a ogni  oscillazione del pendolo. Il meccanismo, in pratica, trasforma il movimento oscillatorio del pendolo nel moto di rotazione dell’ingranaggio.

Materiale e tecnica: ghisa/ferro/ottone/legno

Misure: altezza 78 cm, larghezza 20,5 cm, lunghezza 21,8 cm

Parole chiave: meccanica

Collocazione: Istituto di Istruzione Superiore "Pietro Scalcerle" di Padova

Codice bene: 38

Bibliografia

  • Adolphe Ganot, Trattato elementare di fisica sperimentale e applicata e di meteorologia, Milano 1861