Apparecchio a specchi piani rotanti per fiamme manometriche

Costruttore: Officine Galileo, ditta fondata a Firenze nel 1863-64.

Datazione: primo quarto sec. XX

Descrizione

Su un’asta di ferro è fissata una capsula manometrica, la quale consiste in una camera cilindrica divisa in due parti da una membrana elastica. Una delle due parti è in contatto con lo spazio dove si formano le vibrazioni sonore, in questo caso un cornetto acustico, mentre nell’altra parte, chiusa a tenuta, si fa entrare il gas per mezzo di un tubo. Il gas esce poi da un secondo tubo, che termina in un piccolo orifizio, sul quale il gas viene acceso, formando una fiamma luminosa. Uno specchio a quattro facce è fissato ad un apparecchio a motore che lo può mettere in rotazione.
Quando il gas viene acceso, in assenza di suono, la fiamma sarà costante, ma producendo del suono (ad esempio parlando davanti al cornetto), le compressioni e le rarefazioni del suono muoveranno la membrana e di conseguenza anche la fiamma si modificherà e inizierà a vibrare. Poiché tali cambiamenti sono molto rapidi sarà più facile osservarli per mezzo della struttura rotante a quattro specchi. Infatti, osservando la fiamma riflessa sullo specchio, si noterà che in assenza di suono la fiamma disegnerà una linea dritta, mentre in presenza di un qualsiasi suono, la fiamma disegnerà una linea ondulata.

 

Materiale e tecnica: metallo/vetro/gomma

Misure: altezza 15 cm, diametro 10,8 cm

Collocazione: Collezione del Liceo statale "Ippolito Nievo" di Padova

Codice Bene: 303-P