Apparato per lo studio di fenomeni di rifrazione e riflessione della luce

Costruttore: Officine Galileo, ditta fondata a Firenze nel 1863-64.

Datazione: secondo quarto sec. XX

Descrizione

Questo apparecchio veniva utilizzato per la verifica sperimentale delle leggi sulla riflessione e sulla rifrazione della luce. Il dispositivo è costituito da un grande cerchio graduato diviso in quattro quadranti e sostenuto da un robusto treppiede. Due aste girevoli, sovrapposte, recano due indici liberi di muoversi sulla scala graduata in modo che si possa leggere l’angolo che esse formano con il diametro verticale. A una di esse è fissato un piccolo schermo opaco, mentre alla seconda è fissata una fenditura da cui far passare il fascio di luce. Sul diametro orizzontale del cerchio si possono fissare uno specchio piano o una vaschetta semicilindrica di vetro per l’acqua. Utilizzando lo specchio piano si possono verificare le leggi della riflessione mentre con la vaschetta le leggi della rifrazione.

Materiale e tecnica: ottone/vetro

Misure: altezza 30 cm, diametro 23 cm

Parole chiave: ottica

Collocazione: Collezione del Liceo statale “Ippolito Nievo” di Padova

Codice Bene: 38