14- Pinza a tormalina

Lo strumento faceva parte del primo nucleo del Gabinetto di Fisica, come risulta dell’elenco del 1874-75.

Inventore: Jean-Baptiste Biot, n.1774 – m.1862. Fisico francese.

Costruttore: J.G. Hofmann, Parigi 1850 - 187. Fu un'importante costruttore di strumenti scientifici.

Datazione : terzo quarto sec. XIX

Descrizione

Due lamine di tormalina sono incastonate ciascuna in un disco di sughero fissato a sua volta ad un disco di ottone annerito. Ciascun disco e’ libero di ruotare all’interno di un anello ricavato dal filo d’acciaio che costituisce la struttura della pinza. 
Si tratta del più semplice strumento di polarizzazione della luce. Ideato da Jean-Baptiste Biot (1774–1862), veniva utilizzato per il riconoscimento dei diversi tipi di cristalli. Il campione da analizzare veniva inserito tra le due lamine e un raggio di luce veniva fatto convergere sul primo disco di tormalina. Attraversando il sistema, il raggio usciva dal secondo disco, andando a formare sull’occhio dell’osservatore l’immagine di polarizzazione cromatica caratteristica di quel cristallo e consentendo così la sua classificazione. La tormalina è infatti un cristallo birifrangente e funge dunque da polarizzatore e analizzatore della luce.
Lo strumento faceva parte del primo nucleo del Gabinetto di Fisica, come risulta dell’elenco del 1874-75.

Iscrizioni : J.G. Hofmann, Paris /85

Materiale e tecnica : Ottone/sughero/tormalina

Misure: altezza cm 16; diametro dischetti cm 3

Parole chiave : Ottica

Collocazione : Collezione del liceo Classico "Tito Livio"- Padova

Codice Bene : 31

Bibliografia

  • Museo degli strumenti di Fisica del Liceo Tito Livio di Padova, Canova 2010