10- Apparecchio per esperimenti sul campo magnetico rotante

Datazione: Seconda metà sec. XIX

Descrizione

Si alimentava l’apparato con una fonte di corrente continua (lo si collegava ad una pila o ad un accumulatore) che veniva trasformata in corrente alternata o trifase dal distributore di corrente munito di manovella.  La corrente fluiva poi in uno dei quattro avvolgimenti disponibili, tra cui una bobina doppia e una bobina tripla di Ferraris, all’interno delle quali si poteva inserire un ago magnetico o un disco di ferro che venivano messi in rotazione dal campo magnetico rotante. Gli altri due circuiti sono costituiti ciascuno da un anello di ferro munito  rispettivamente di quattro o sei avvolgimenti che a loro volta mettevano in rotazione l’ago magnetico o il disco di ferro.
 

Iscrizioni: MARTIGNONI & MELA / DOTTORI IN CHIMICA / GENOVA

Misure: altezza 14 cm, lunghezza 42 cm, larghezza 21 cm

Materiale e tecnica: Legno/ferro/rame

Parole chiave: Elettromagnetismo, elettricità

Collocazione: Collezione del liceo Classico “Tito Livio” - Padova

Codice Bene: 132

Bibliografia

    • Museo degli strumenti di Fisica del Liceo Tito Livio di Padova, Canova 2010